No minigonne al Tribunale di Brindisi

Sono vietate a tutti: avvocati e familiari dei detenuti

Francesco Giardino è il Presidente del Tribunale di Brindisi. Fino ad oggi non lo conosceva nessuno al di fuori della città pugliese. Sbattendosi della moda, del terzo millennio in cui viviamo, ha fatto quasi come fece  un ex giudice degli anni 70 di Palermo: che aveva proibito le scollature al tribunale siciliano.

Read more

Sarkozy parla come Berlusconi

Arrestato per 24 ore, indagato insulta i giudici

Sarkozy, ex Presidente della Repubblica Francese è stato fermato per 24 ore perchè indagato per una presuntata tentata corruzione ad un giudice francese. Noi facciamo parte di quelli che: accettano le sentenze, fino all’ultimo grado di giudizio l’imputato è innocente. Ieri  ho sentito la conferenza stampa dell’ex Presidente della Francia, appena ha parlato di toghe rosse, di persecuzione ecc…

Read more

Il mondo gay è una cosa seria

Al gay pride ha aderito la fidanzata di Berlusconi...E' uno scherzo

Siamo su scherzi a parte, Silvio e la sua fidanzata Pascale hanno aderito al gay pride. Per favore ditemi che è uno scherzo. Ma se fino ad un Read more

Balotelli è un “mezzo uomo” Milan cedilo…

Scoprirsi nero è una miserabile messa in scena di un fallito

Se fosse vivo Leonardo Sciascia, oggi, sul suo amato Corrierone, non riesco ad immaginare cosa avrebbe scritto sulla sceneggiata labiale di Mario Balotelli. Non lo so, forse avrebbe preso il suo parametro sulla definizione degli uomini e avrebbe catalogato il giocatore rossonero un mezzo uomo. Un bravo giocatore di pallone, non è per nulla un grande giocatore di calcio, un educato male che non ha rispetto delle gerarchie della vita e dei valori in campo. Una persona così, speriamo che il nuovo commissario tecnico della nazionale italiana non lo convochi mai più. Una trovata miserabile è quella che Mario Balotelli ha esposto, una trovata che non solo mi offende come democratico, come italiano, come amante del calcio.

Read more

Presidente del CONI , subito un commissario

Dopo Abete ci vuole un uomo di polso che non guarda in faccia nessuno

In due giorni due pezzi che parlano di calcio sono tanti. In gioco, però, c’è la dissennata politica calcistica di Abaete che per fortuna ha trovato un momento di rossore ed ha fatto un passo indietro. Grazie a Dio anche Cesarino Prandelli è andato via, dunque bisogna ricostruire. Giovanni Malagò, Presidente del Coni, massimo organo dello sport italiano, nomini un commissario di sua fiducia.

Read more

Buffon è… una pietra d’angolo

Si sono dimmessi Prandelli e Abete...Era ora!!!

Generalmente sono tiepido ma non è possibile che Cesarino Prandelli , stesse ne il posto che fu di : Vittorio Pozzo, Enzo Bearzot e Marcello Lippi. Dei succitati non gli riconosco ne la competenza tecnica e neppure la maestria. Da juventino sono contento che gli azzurri abbiano finito il cammino nel mondiale, da giornalista alle 20,30 a QsVs condotta da Fabio Ravezzani, direttore del gruppo diapason, avevo detto che  Prandelli e Abete avrebbero dovuto dimmettersi. Ora che si sono dimmessi partiamo dalle parole di Buffon: ” abbiamo perso perchè i nuovi non sanno copiare i vecchi”. Parole al vetriolo che forse nascondono i ” casini” successi nello spogliatoio dell’Italia dopo la partita con gli inglesi.

Read more