L’Unità…Per favore no alla Santanchè

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il quotidiano fondato da Antonio Gramsc sta chiudendo

Il  giornale quotidiano L’Unità, fondato da Antonio Gramisc, naviga in brutte acque,  potrebbe chiudere. Una voce, oggi, è circolata negli ambienti della comunicazione milanese: la signora Santanchè, già deputato di Forza Italia, attuale sodale di Berlusconi, vuole comprare il giornale che Gramisc fondò nel 1921 e che per intere generazioni ha rappresentato non solo uno strumento di lotta e di riscatto della classe operaia. Ho assistito allo scempio dell’altro quotidiano L’Avanti, organo dei Socialisti italiani, nelle mani di un tal Lavitola, oggi in galera, amico di Silvio  Berlusconi. Per favore, è possibile che Matteo Renzi, che immeritatamente sulla sedia di Palmiro Togliatti, non riesca a trovare uno sponsor per garantire una vita dignitosa ad un giornale che è la storia della sinistra e dell’Italia antifascista? Per favore un proclama in meno e un aiuto in più ad un giornale che da lustro e immagine ancora a chi sta nel PD.


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.