Michel Platini…Quanti ricordi belli

Condividi
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

L'Avvocato si divertiva e pure ....

BlatterMichel Platini: “Lo abbiamo preso per un tozzo di pane e lo abbiamo riempito di caviale”, così parlava Gianni Agnelli. I due si capivano in perfetta lingua francese. Platini, giovane virgulto francese, amava il pane col salame; ama tanto mangiare le ostriche, la sua vita come una partita di calcio. Tony Damascelli, ne fece un libro. “Il francese” come lo chiamava Tardelli, sapeva vivere; ha vinto la classifica dei cannonier per tre anni di seguito, ed ogni gol regala a tutti suoi compagni una medaglietta d’oro. Marco Tardelli, Zibì Boniek, mi mal sopportavano perchè io avevo portato Michel a Telemontecarlo (erano gli anni che c’erano due canali: Rai e Telemontecarlo). Un trionfo; avevamo gli ascolti più alti di Canale 5 che  aveva preso Zico dall’Udinese come opinionista di Record, la trasmissione condotta da Cesare Cadeo. Quanti altri anedotti avrei… Michel ha smesso di giocare, è stato un mediocre allenatore, cambiò registro ecco … in politica calcistica; telefonò a tutti suoi amici e diventò Presidente dell’UEFA. Blatter, Presidente della Fifa, annusò l’aria che il francese potesse sostituirlo…Iniziò una vera guerra per bande: hanno perso tutte due… entrambi spariranno dal mondo del calcio come due galline zoppe, magari con qualche  milione di Euro, resteranno due galline zoppe… Che delusione Michel… Che delusione Michel… Che delusione…


Condividi
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

1 thought on “Michel Platini…Quanti ricordi belli”

  1. Una delusione dopo l’altra prima Moggi adesso Michel e tutto per soldi e potere.
    Questi il calcio lo usano non lo amano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.