Fuori dal coro…assaporando la dignità

Condividi
  • 1
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

trenta e passa anni per vedere la fine di una anomalia

Ringrazio Iddio per avermi dato la forza di vedere la fine di una anomalia.Nello sport col Milan, nel lavoro con la tv, nella politica col nulla. Appunto una anomalia. Ebbi il sentore nel 1972, quando, Maurizio Ricotti Assesssore Regionale al territorio della Lombardia, mi invitava quotidianamente ad andare a lavorare in Fininvest. Pure Giovanni Mosca, vice segretario del PSI, mi spingeva e pure Walter Tobagi; insomma dicevo no quotidianamente. L’arrivo al Milan; la mia Juve e i dirigenti di essa di colpo diventarono dei somari. L’avvocato Agnelli che era stato pietra miliare diventava quasi un poveraccio. Durò tanti anni la spinta degli amici per andare verso Cologno. Sono rimasto fuori dal coro mentre altri per arrivarci si trasformavano in baby sitter di dirigenti socialisti. Andai in Rusconi a lavorare grazie a Paolo Mosca, col Presidente Edilio Rusconi ci facevamo lunghe chiaccherate sulla Anomalia del nostro paese. La mia sofferenza è stata il Milan dove orde di genuflessi gridavano “ladri” a noi tifosi della Juve. Ora lo sbando è sotto gli occhi di tutti, potrei affondare il coltello della dignità. Incontro coloro che erano impettiti ieri oggi sono con la testa bassa. Avranno qualche lira in più di me, ma lo posso dire forte:” Siete dei poveracci”.  Domenica festeggerò i 33 scudetto, la mia cara Juve, come diceva Gramisc, è viva, piena di dignità, mentre altri si grattan ove han la rogna. Il Milan viene venduto, Mediaset Premium pure…Siamo solo all’inizio. Grazie Dio per avermi dato vita per poter  assistere. Grazie Dio e…Forza Juve


Condividi
  • 1
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.